Pubblicato in: Il web e l'arte di arrangiarsi

Post-Pasqua

image

Ciao a tutti, voi cosa fate con gli avanzi di uova di Pasqua e di Colomba? Io ero stufa di vederli girare per casa con nessuno che li voleva o poteva far fuori… a parte me! 😨 dopo un po’ me li sognavo la notte 😥.
Allora ho preso santo Google in cerca di idee e ne ho messe insieme un bel po’ e alla fine è venuta fuori la meraviglia che vedete sopra 😍.
Ho fatto così: a bagnomaria ho sciolto le uova di cioccolato (circa 200g) con 150g di burro fino ad ottenere una crema omogenea. Ho tolto dal fuoco e ho aggiunto 1 uovo, poi ci ho sbriciolato dentro la colomba, tanta quanto è bastato per ottenere un impasto lavorabile con le mani. A questo punto ho avvolto nell’ alluminio come si fa di solito per il salame di cioccolata (ma secondo me si può anche mettere in uno stampo rivestito di pellicola) e messo in frigo. Non ho aggiunto zucchero perché il cioccolato era per la maggior parte al latte e poi la colomba di suo è già dolcissima, per di più con i canditi e la granella sopra! 😮 Dopo 1 ora di frigo il tutto era ancora un po’ morbido (ma golosissimo 😜), dopo una notte al fresco, stamattina era bello compatto come un pudding inglese 🍮👍
Credo proprio che finirà presto 😂

Annunci
Pubblicato in: Il web e l'arte di arrangiarsi

Pizza!

KiottaPizzaiolo-Igisic

Ciao a tutti, nella nostra famiglia c’è la tradizione della pizza per il sabato sera, e da quando la cuociamo nel putagé, la tradizione è sempre più gradita 🙂 Io sono particolarmente esigente in fatto di pizza, avendo vissuto per parecchi anni a Napoli, mi piace sottile con il “cornicione” e la mia preferita è senza mozzarella con pomodoro, l’aglio e l’origano (la cosiddetta Marinara, anche se non ha le acciughe come sembrerebbe dal nome…)

20160313_161101.jpg

Ma sono poi diventata ancora più esigente quando ho iniziato la grande avventura della Pasta Madre, in arte “Giggino” 😉  (in questa foto lo vedete nel pieno della sua esuberanza…). Nel corso degli anni ho provato e riprovato diverse ricette, e sul web ce ne sono a centinaia 😮, ma la mia preferita è la Pizza EVA in teglia dei mitici Fables de Sucre. Questa ricetta mi piace perché consente di ottenere un’ottima pizza in tempi ragionevoli (visto che con la pasta madre spesso ci vogliono giorni interi di lavorazione) e le varie fasi di preparazione vengono spiegate passo passo addirittura ora per ora! 😜

20160313_115202.jpg

🍕Buona Pizza a tutti!🍕

Pubblicato in: Il web e l'arte di arrangiarsi

Ricette dell’avvento

Ciao a tutti, in questi giorni dell’Avvento mi è capitato di dover fare dei dolci al volo per le feste a scuola ecc… e volevo condividere qualche ricettina che ho recuperato da diverse fonti tipo il web e modificato come al solito per le intolleranze varie, in particolare alle uova… PS. forse qualcuna era già stata pubblicata qualche blog fa… chiedo venia!

TORTA ALLE NOCCIOLE

Questa ricetta me l’ha passata tanto tempo fa una mia collega mia omonima (e non si chiama Kiotta 😉 ) e io l’ho modificata sostituendo le uova con fecola e yogurt, il risultato è fantastico ed è velocissima da fare se avete un robot da cucina!

100g farina 00

100g fecola

200g zucchero

100g nocciole sgusciate

1 limone

3 cucchiai olio di semi

1 bustina di lievito

1 vasetto di yogurt (se usate quello di soia la ricetta diventerà vegana!)

olio e farina per lo stampo

latte vegetale q.b.

Tostare le nocciole nel forno a 200°, liberatele dalla pellicina e tritatele. Nel mixer versate lo yogurt e amalgamatevi lo zucchero, la scorza grattugiata del limone e l’olio. Incorporare la farina setacciata con il lievito, quindi mescolare delicatamente al tutto le nocciole tritate. Eventualmente diluire con qualche cucchiaio di latte se l’impasto dovesse essere troppo denso. Ungere e infarinare una teglia del diametro di ca 24cm, distribuitevi il composto e cuocere in forno già caldo a 180° per circa 30′, fate la prova stecchino! Spolverata con un po’ di zucchero a velo è una grande golosità 😛

PANE DOLCE

Questa è una ricetta elaborata da me facendo diverse prove con la macchina del pane… ma potete tranquillamente farla a mano con l’impastatrice:

CIOCORI’ di NONNA VANDA

questa ricetta è veramente una bomba, astenetevi se cercate cose salutistiche, dietetiche o altro ma ieri mi sono ritrovata all’ultimo a dover fare qualcosa per una festa a scuola di mia figlia e questa si fa veramente in pochissimo e fa veramente colpo assicurato per qualsiasi orda di ragazzini affamati e scatenati! Grazie a buonanima della mia nonnina che me l’aveva insegnata!

4 barrette MARS
100g burro
1 confezione di Riso Soffiato (per tradizione usiamo quello Kellogg’s, in questo caso devrebbe bastare mezza confezione).

I mars e il burro vanno sciolti a bagnomaria, quindi iniziate a far scaldare l’acqua nella pentola più grossa e nel frattempo spezzettate mars e burro in quella più piccola. Fate sciogliere il tutto mescolando fino ad ottenere una crema omogenea. All’inizio vi sembrerà impossibile perché il ripieno dei mars sembrerà fare i grumi ma poi vedrete che verrà fuori una sorta di nutella incredibile (vietato assaggiare perché può dare dipendenza!). A questo punto velocemente togliete dal fuoco e iniziate a versare e mescolare il riso soffiato. Questa è l’operazione più delicata perché bisogna capire quando il riso è abbastanza: dovrete avere difficoltà a mescolare ma non dovranno esserci zone di sola crema. Quando l’impasto è a posto stendere il tutto su un foglio di pellicola cercando di rendere la superficie omogenea e senza buchi, soprattutto ai bordi. ricoprire con un altro foglio di pellicola ed attendere che si raffreddi completamente. Volendo velocizzare l’operazione si può mettere il tutto in una teglia foderata di pellicola e far riposare in freezer per almeno un quarto d’ora. A questo punto non resta che tagliare a cubetti, losanghe o quant’altro vi dice la fantasia e, se siete stati bravi e non avete spiluccato, questo è il momento della grande soddisfazione 🙂

E adesso che abbiamo tutti la pancia piena vi faccio i migliori auguri e vi offro la visuale di tutti i regalini che ho ricevuto da parte della mia prole: